Dimensione testo » A+ | A–
In evidenza:
Audizione alla commissione marmo: le proposte di Legambiente

Audizione alla commissione marmo: le proposte di Legambiente

Proposte per il nuovo Regolamento degli agri marmiferi: eliminare le illegalità, comprese le autorizzazioni con licenza ad inquinare; tutelare fiumi, sorgenti e sicurezza del lavoro; ridurre il rischio alluvionale; chiudere le cave con troppi detriti; attivare subito le gare pubbliche per le concessioni; premunirsi dall'elusione del canone ... e molto altro.

Leggi tutto...

Basta alluvioni: meno opere, miglior politica urbanistica

Basta alluvioni: meno opere, miglior politica urbanistica

15/11/2014. Le responsabilità del sindaco sono ben più gravi di quelle del crollo dell'argine: i danni alluvionali (passati e futuri) sono "pianificati", in quanto strutturalmente insiti nella politica urbanistica (edificazione nelle aree inondabili, porto turistico, ecc.). Ecco la nostra analisi delle cause (partendo dai monti fino al mare) e le relative proposte, anche radicali.

Leggi tutto...

Come fermare la fabbrica del rischio alluvionale

Come fermare la fabbrica del rischio alluvionale

Testo e immagini della conferenza-dibattito nel primo anniversario dell'alluvione del Carrione. Spiegata la formazione dei picchi di piena e i fattori che li accentuano, si mostra come gli interventi abitualmente attuati dal Comune (viabilità montana, gestione cave, canalizzazioni delle acque, ecc.) accentuino il rischio alluvionale. Individuata dunque nel Comune la "fabbrica del rischio alluvionale", vengono indicate le misure da attuare.

Leggi tutto...

Carrione: rivedere i calcoli, intervenire sui ravaneti, ripristinare gli alvei soffocati da strade

Carrione: rivedere i calcoli, intervenire sui ravaneti, ripristinare gli alvei soffocati da strade

Lo studio Seminara individua le inadeguatezze dell'alveo del Carrione al transito delle piene duecentennali e, di conseguenza, gli interventi necessari (in alveo e nel bacino montano) per la riduzione del rischio alluvionale. Insospettiti dalle portate di piena troppo elevate previste dalla Regione, abbiamo indagato sul modello idraulico utilizzato, scoprendo che è stato alimentato con alcuni dati errati. Si chiedono correzioni e si avanzano proposte.

Leggi tutto...

Tesseramento Legambiente 2018

Tesseramento Legambiente 2018

A Carrara siamo una voce scomoda; siamo indipendenti, razionali e sognatori. Vuoi anche tu fermare la cementificazione? Difendere il territorio e i beni comuni (acqua, cave)? Lottare per il rispetto della legalità? Sostenere le energie rinnovabili e stili di vita sostenibili? Promuovere la solidarietà e la pace? Fermare le grandi opere inutili e promuovere la green economy, il lavoro, la bellezza?             ALLORA SEI PRONTO PER LEGAMBIENTE: ISCRIVITI !

Leggi tutto...

Dossier marmettola: l’inquinamento autorizzato

Dossier marmettola: l'inquinamento autorizzato

Il documento, rivolto alle autorità locali, regionali e nazionali, spiega con dovizia di foto e argomentazioni perché i problemi causati dalla marmettola non saranno mai risolti finché non si smetterà di rilasciare autorizzazioni illegittime: vere e proprie licenze a inquinare. Fornisce inoltre dettagliati suggerimenti operativi di prescrizioni per ogni fase di lavorazione in cava.

Leggi tutto...

Far West: cave fuorilegge. Con lo sceriffo complice!

Far West: cave fuorilegge. Con lo sceriffo complice!

Da oltre un decennio i tre quarti delle cave violano il Piano Regionale: in molte i blocchi sono sistematicamente meno del 10% del materiale estratto e i detriti superano il 90%; altre abbandonano gli scarti al monte (oltre mezzo milione di ton di terre l'anno), inquinando fiumi e sorgenti e accrescendo il rischio alluvionale. Sbaglia dunque chi parla di Far West: lì, infatti, lo sceriffo combatteva i banditi; qui, invece, il Comune è complice!

Leggi tutto...

Un vero water-front: il “primo lotto” utile per la città!

Un vero water-front: il “primo lotto” utile per la città!

Il Water Front dell'Autorità portuale prevede tre ponti ravvicinati alla foce del Carrione! La proposta Legambiente è molto più vantaggiosa: generoso allargamento della foce e del ponte ferroviario; un solo ponte con piloni in alveo e un nuovo ponte sopraelevato, per l'accesso al porto; un parco costiero tra Carrione e Lavello. Quindi: più sicurezza idraulica e riqualificazione urbanistica, naturalistica e paesaggistica. Perché non accogliere la proposta?

Leggi tutto...

Dragaggio del porto e ripascimento: come si ripuliscono le sabbie inquinate

Dragaggio del porto e ripascimento: come si ripuliscono le sabbie inquinate

Le sabbie dragate dal porto hanno troppo mercurio per usarle a ripascimento? No problem: basta ripulirle con un portentoso "detergente matematico" (si media l'inquinamento da mercurio con quello –più basso– di altri metalli pesanti). Vero genio (criminale)!

Leggi tutto...

Stati Generali delle Alpi Apuane: ATTI dell’incontro nazionale

Stati Generali delle Alpi Apuane: ATTI dell'incontro nazionale

Con questo incontro il Coordinamento Apuano lancia il "Manifesto per le Alpi Apuane", una strategia matura e già in cammino per il loro futuro sostenibile. Gli Atti raccolgono le relazioni, le presentazioni e gli interventi; denunciano l'impatto ambientale, economico, sociale e le illegalità della monocoltura del marmo; propongono alternative concrete.

Leggi tutto...

Marmettola, fiumi, sorgenti: per saperne di più

Marmettola, fiumi, sorgenti: per saperne di più

La marmettola è un problema vecchio, ma ancora di grande attualità. Per chi volesse saperne di più segnaliamo alcuni documenti fondamentali, a partire dai primi studi che hanno affrontato ed approfondito l'argomento.

Leggi tutto...

Carrione: le proposte di Legambiente per il piano di gestione del rischio alluvioni

Carrione: le proposte di Legambiente per il piano di gestione del rischio alluvioni

Per ridurre il rischio alluvionale servono scelte coraggiose. Si propongono il ripristino degli alvei occupati da strade, la riduzione degli apporti solidi dai ravaneti, l'ampliamento dell'alveo delocalizzando le segherie, l'inedificabilità delle aree a pericolosità idraulica elevata, il ritiro del progetto di nuovo porto turistico e di ampliamento di quello commerciale.

Leggi tutto...

La Regione protegga le sorgenti dalle cave di marmo

La Regione protegga le sorgenti dalle cave di marmo

27/3/14. Forte richiesta alla Regione di introdurre nelle cave l'obbligo di accorgimenti di protezione delle sorgenti, corredata dai processi inquinanti (marmettola, oli esausti), da precise proposte di misure e supportata da una solida base scientifica e iconografica (un centinaio di foto, tabelle, grafici, carte, bibliografia, ecc.)

Leggi tutto...

Eolico a Campocecina: idea bislacca, contro leggi e buonsenso

Eolico a Campocecina: idea bislacca, contro leggi e buonsenso

25/5/13. L'idea dell'assessore all'ambiente testimonia la cialtroneria che governa la città. L'impianto è inammissibile perché in pieno Parco delle Apuane, in zona SIC e ZPS, con vincolo paesaggistico. È anche irrealizzabile per la viabilità inadeguata e per la ripida pendenza del versante.

Leggi tutto...

Cave: Legambiente chiede un’indagine alla commissione antimafia

Cave: Legambiente chiede un'indagine alla commissione antimafia

11/8/12. La passata presenza della criminalità organizzata nelle cave è già documentata e il pericolo è tuttora reale. Sindaco e industriali negano, ma la scarsa propensione dell'amministrazione alla legalità è già una condizione favorevole alle infiltrazioni mafiose. Chi ha paura dell'antimafia?

Leggi tutto...

Anche fermare la TAV aiuta a salvare l’Italia

Anche fermare la TAV aiuta a salvare l’Italia

10/3/12. La TAV non è giustificata dalla domanda di trasporto e sottrae risorse alle vere priorità: costringe a tagli sui treni pendolari, a spremere i cittadini con tasse e tagli ai servizi. Non è quindi un problema locale, ma nazionale: permette grossi affari per pochi e colpisce duramente le condizioni di vita di tutti i cittadini. Il governo ascolti la Corte dei Conti e il mondo scientifico.

Leggi tutto...

Carrara: dopo l’alluvione serve un’idea sana di sviluppo

Carrara: dopo l’alluvione serve un’idea sana di sviluppo

2012: gli amministratori si impegnano a "mettere in sicurezza" il territorio con argini. Ma siamo sicuri che sia la strada giusta? Il piano strutturale prevede nuova edificazione nelle aree inondabili, dopo la loro messa in sicurezza: è il modo migliore per aumentare il rischio e i danni alluvionali! Serve un'idea sana di sviluppo: interrompere il consumo di suolo e riqualificare il patrimonio edilizio esistente.

Leggi tutto...

Cava Fossa Combratta: non diventi la pietra dello scandalo

Cave: rispettare la legalità per garantire il lavoro

Waterfront 3° lotto: riaprire il porto alla città

Allarme terre di cava: il rischio alluvionale è aumentato!

APUANE: finalmente il «Parco fa il Parco»!

Fossa Combratta: una cava da dismettere

Cedro (del Libano, dell’Atlante, dell’Himalaya)

Farmoplant a 30 anni dalla chiusura: per non dimenticare

Il bacino estrattivo di Torano. Spunti per una pianificazione integrata

Fossa Maestra: no al campeggio per camper mascherato da parcheggio

Operazione#NONTISCORDARDIME’ allo Zaccagna: Scuola sostenibile con Legambiente

Regolamento agri marmiferi: commissione segreta? No, grazie

Cava Faggeta: la riattivazione sarebbe illegittima

Cava Faggeta: serve una moratoria sulla riattivazione delle cave dismesse

Commissioni comunali: favorire la partecipazione

Beni estimati: bene comune, nonostante la sentenza

Riapertura cava Puntello Bore? Perché no (contributo al contraddittorio)

Orti Urbani. Progetto di riqualificazione dell’area verde urbana “La Prada” nel Comune di Carrara

La geofisica applicata all’archeologia: casi di studio nel territorio Carrarese

La storia del Partito d’azione a Carrara (1942-1947): un significativo caso di studio