Dimensione testo » A+ | A–

Via d’arroccamento Pulcinacchia: documentato lo smaltimento abusivo di terre

Share
Print Friendly, PDF & Email

 

A:
Sindaco di Carrara
Municipio

Resp. Dip. ARPAT Massa Carrara
Via del Patriota 2, Massa

Procura della Repubblica
presso il Tribunale di Massa
Piazza A. De Gasperi, 1, Massa

 

Oggetto: Smaltimento abusivo terre su via d’arroccamento, loc. Pulcinacchia

 

La segnalazione, documentata da foto

Si segnala quanto segue, per gli accertamenti e i provvedimenti di competenza.

Il 14 febbraio 2009, tra le ore 10 e 11 circa, lungo la via d’arroccamento in loc. Pulcinacchia per le cave 17-Ruggetta A, 58-Crestola C e 187-Ruggetta B, una grossa ruspa faceva la spola caricando terre nel punto 1 della cartina allegata e scaricandole lungo la scarpata della via d’arroccamento, nel punto 2.

Tra uno scarico e il successivo trascorrevano circa 3 minuti; in circa un’ora d’osservazione la ruspa ha effettuato una ventina d’operazioni di carico e scarico, movimentando presumibilmente parecchie tonnellate di terre. Non conosciamo l’ora di inizio e di fine di queste operazioni, né sappiamo dire se siano state effettuate anche nei giorni precedenti.

Alcune di queste operazioni di scarico sono mostrate nelle foto 1-8. La foto 7, grazie alle scritte sulla ruspa, può consentire di identificare il mezzo impiegato (e forse, con un certo ingrandimento, anche l’operatore); per questo motivo, il file della foto 7 viene inviato anche per posta elettronica.

 

Lo smaltimento abusivo è una pratica periodica, non un atto isolato

La foto 9 mostra come, in base al colore delle scarpate della via d’arroccamento, siano chiaramente distinguibili le normali scarpate recenti (di qualche anno d’età), costituite da detriti di marmo, da quelle di più vecchia data (superficie annerita delle scaglie di marmo) e da quelle ricoperte da terre, da poco tempo (marrone scuro) o da diversi mesi (marrone chiaro).

La foto 10, del dicembre 2008, mostra come a quella data, nello stesso tratto di scarpata, fossero già state riversate terre; ciò testimonia che lo smaltimento abusivo di terre dei giorni scorsi non è un evento unico, ma una pratica periodica.
Tutto ciò considerato, si chiede l’accertamento dei responsabili e l’adozione dei conseguenti provvedimenti.

 

I rischi per le sorgenti di Carrara

Si fa inoltre presente che, durante le piogge, le scarpate delle vie d’arroccamento sono soggette al dilavamento e all’erosione (si veda la freccia 2 nella foto 10); pertanto le tonnellate di terre riversate su di esse saranno dilavate e finiranno nel Canale di Porcinacchia (o Fosso di Curtana), configurando un serio rischio di intorbidamento delle sottostanti sorgenti Tana dei tufi, Gorgoglio e Pizzutello che alimentano l’acquedotto cittadino (si veda la loro ubicazione nella cartina).

Che tale rischio non sia ipotetico, ma concretamente accertato, è dimostrato dagli studi effettuati in questa area negli scorsi anni, utilizzando le spore di licopodio come traccianti.

 

Ordinare l’immediata bonifica

Si chiede pertanto di prescrivere ai responsabili dello smaltimento abusivo di terre l’immediata bonifica della scarpata, mettendo in opera con assoluta urgenza tutti gli accorgimenti per intercettare e trattenere le acque di dilavamento prima che raggiungano il Canale.
Qualora fosse utile, dichiariamo la piena disponibilità a testimoniare.
Distinti saluti

Carrara, 17 febbraio 2009
Legambiente Carrara
la presidente del circolo, Mariapaola Antonioli

 

Stralcio della “Carta della ubicazione delle cave”. Le frecce 1 e 2 indicano rispettivamente il punto di carico della ruspa e quello di scarico.
Foto 1. 14 febbraio 2009. La ruspa scarica terre sulla scarpata.
Foto 2. 14 febbraio 2009. La ruspa scarica terre sulla scarpata.
Foto 3. 14 febbraio 2009. La ruspa scarica terre sulla scarpata.
Foto 4. 14 febbraio 2009. La ruspa scarica terre sulla scarpata.
Foto 5. 14 febbraio 2009. La ruspa scarica terre sulla scarpata.
Foto 6. 14 febbraio 2009. La ruspa scarica terre sulla scarpata.
Foto 7. 14 febbraio 2009. Le scritte sulla ruspa possono consentirne l’identificazione.
Foto 8. 14 febbraio 2009. Vista d’insieme del tratto di scarpata ricoperto di terre.
Foto 9. 14 febbraio 2009. Pulcinacchia: via d’arroccamento delle cave Ruggetta A e B e Crestola C. Il cerchio indica la ruspa che ha appena scaricato terre lungo la scarpata. [1]: normali scarpate costituite da detriti di marmo (riconoscibili dal colore bianco); [2]: scarpate costituite di detriti di marmo vecchi di decenni (grigio); [3]: scarpate ricoperte da terre già da alcuni mesi (marrone chiaro); [4]: scarpate ricoperte da terre appena riversate (marrone scuro).
Foto 10. La stessa via d’arroccamento ripresa il 2 dicembre 2008. [1]: il colore marrone chiaro sullo stesso tratto di scarpata della foto 1 rivela che lo smaltimento abusivo di terre del febbraio 2009 non è un evento eccezionale, ma una pratica periodica. [2]: il solco di frana ed erosione mostra come, in occasione di piogge intense, i materiali della scarpata siano erosi e trasportati a valle dalle acque.

 



Per saperne di più:

La vicenda della via d’arroccamento di Pulcinacchia, con i suoi errori progettuali, lo smaltimento abusivo di terre, il reiterato mancato rispetto delle ordinanze del sindaco e dell’ASL, la mancata applicazione delle sanzioni, è una testimonianza esemplare del Far West che regna alle cave e di come il Comune tolleri queste illegalità, fino a fornire ad esse un’esplicita copertura.

I documenti seguenti e le foto di cui sono corredati sono dedicati agli increduli.

Il sindaco copre lo smaltimento abusivo di terre. Legambiente si rivolge al difensore civico (20/8/2009)

Pulcinacchia: il sindaco non consegna la documentazione. Ecco il testo del ricorso al difensore civico (20/8/2009)

Sversamento terre a Pulcinacchia: la risposta (parziale) del Comune (7/8/2009)

Smaltimento abusivo di terre a Pulcinacchia. Ultimo sollecito al sindaco: dopo 5 mesi ancora non consegnata la documentazione (15/7/2009)

Nubifragio: sorgenti torbide per lo smaltimento abusivo delle terre (11/7/2009)

Grotte di Pulcinacchia: la via d’arroccamento è un pericolo incombente per le sorgenti (21/5/2009)

Richiesta documentazione su Pulcinacchia: sollecito al sindaco (12/5/2009)

Via d’arroccamento Pulcinacchia finalmente asfaltata: cosa resta da fare (27/3/2009)

Pulcinacchia: è bastata una pioggia per spazzare via le terre abusive e le rassicurazioni del sindaco (6/3/2009)

Via d’arroccamento Pulcinacchia: fino a quando l’impunità? (18/12/2008)

Asfaltatura via d’arroccamento Pulcinacchia: basta proroghe alle cave inadempienti (3/12/2008)


Sulla tolleranza del Comune verso lo smaltimento abusivo delle terre:

Il sindaco rassicura: lo smaltimento delle terre è monitorato. Infatti lo è, ma aumenta continuamente! (24/8/2009)

Pulcinacchia: smaltimento abusivo di terre. Il sindaco si precipita a scagionare i responsabili (20/2/2009)

Smaltimento abusivo di terre nelle cave. Il segretario generale Tonelli istiga al reato (16/2/2009)

Cave e terre: quando l’illegalità diventa diritto acquisito (col beneplacito del sindaco) (13/2/2009)

 


Share

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *