Dimensione testo » A+ | A–

TAV, Legambiente a Monti: “Il governo esca dal ‘cul de sac’ in cui si è messo. La Tav non fa gli interessi del Paese”

Share
Print Friendly, PDF & Email

 

“Serve lungimiranza per capire cosa davvero serve al Paese. Il governo esca dal cul de sac in cui si è messo e ascolti gli esperti sul sistema di trasporti che ci porta in Europa. Sulla Tav l’esecutivo sta perdendo un’occasione politica, che invece non gli era sfuggita con il Ponte sullo Stretto e le Olimpiadi, per fare gli interessi del Paese. L’alta velocità in Val Susa non è affatto indispensabile per l’economia italiana ed europea. L’opposizione della Val Susa non può essere ridotta ad un problema di ordine pubblico”.

Così il presidente nazionale di Legambiente Vittorio Cogliati Dezza, si rivolge al governo per chiedere la convocazione urgente di un tavolo tecnico sulla TAV e commenta le posizioni espresse ieri dal premier Monti.

Secondo Legambiente, infatti, l’opera, costosissima, non produrrà i benefici attesi dai suoi sostenitori: non diminuirà il traffico pesante dalle strade perché non viene garantito in alcun documento che  una volta aperto il tunnel ci sarà il blocco dei tir come avviene in Svizzera, tanto più che nel frattempo si sta andando al raddoppio della galleria autostradale; non ridurrà i tempi di percorrenza tra Lione e Milano perché gli interventi a Torino (gli unici veramente urgenti) e sulla linea esistente, sono rinviati al 2023. Ma soprattutto, Legambiente ribadisce la necessità di non mettere da parte la questione dei pendolari che continuano a veder peggiorare il servizio lungo la linea.

“Serve con urgenza un incontro con i sindaci della Valle per ritornare ad una situazione di civile convivenza. La cosa più dannosa a cui si possa pensare è puntare alla prova di forza – conclude Cogliati Dezza”.

Roma 3 marzo 2012
L’ufficio stampa Legambiente

 



Per saperne di più (oltre al sito www.notavtorino.org):

Sull’insieme delle motivazioni di opposizione:

Breve storia dell’Alta Velocità in Italia (di Claudio Cancelli) (31/3/2004)

Altre 150 brevi ragioni tecniche contro il TAV in Val di Susa (16/1/2011)

Repliche tecniche a luoghi comuni pro-TAV (Tartaglia smonta Esposito) (25/11/2010)

Sui documenti specifici relativi ai progetti più recenti:

Progetto definitivo per la Galleria de La Maddalena di Chiomonte, a servizio del tunnel di base (17/5/2010)

Progetto preliminare per la porzione italiana della tratta internazionale (10/8/2010)

Progetto preliminare per la tratta nazionale italiana (28/3/2011)

Altri articoli e video sulla TAV:

Il corridoio Lisbona-Kiev è morto (22/3/2012)

TAV, Luca Mercalli risponde ai 14 punti del governo (15/3/2012)

Valsusa risponde al governo: 14 motivi per non fare la Torino-Lione (14/3/2012)

Appello “Oltre la Val Susa, le priorità” (13/3/2012)

Le 14 domande al governo sulla Tav (Paolo Cacciari) (13/3/2012)

Anche fermare la TAV aiuta a salvare l’Italia (10/3/2012)

Le 14 ragioni del governo Monti per il sì alla TAV (9/3/2012)

La Grande Opera pubblica e il capitalismo finanziario (di Guido Viale) (4/3/2012)

Alta velocità o alta voracità? (VIDEO di M. Travaglio) (2/3/2012)

Pro TAV e No TAV a confronto al Politecnico di Torino (VIDEO) (4/11/2011)

TAV: giornali black col cervello in bloc (VIDEO di Marco Travaglio) (4/7/2011)

Perché sì al TAV: intervista a B. Giachino e R. Cota (VIDEO) (23/10/2011)

Perché NO al TAV Torino-Lione (31/8/2011)

La Corte dei Conti sulla TAV: costi spropositati, sprechi, irresponsabilità (21/11/2008)

TAV: le ragioni liberali del NO (16/4/2007)

 


Share

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *