Dimensione testo » A+ | A–

Come si smantella il piano regionale cave

Share
Print Friendly, PDF & Email

La cava Amministrazione, la più grande delle Apuane, oggi suscita scandalo poiché sbriciola la montagna per ricavarne solo il 9% in blocchi (il 91% sono detriti). Se la ‘manina’ che sta modificando il piano regionale cave avrà successo, non desterà più scandalo: sarà ammesso anche ridurre le montagne a detriti, senza l’obbligo di ricavarne blocchi.

 
 
 
 
 

Alla IV Commissione Consiliare – Consiglio Regionale della Toscana

Alla II Commissione Consiliare – Consiglio Regionale della Toscana

P.C. all’Assessore al Governo del Territorio, Regione Toscana

P.C. al Direttore Pianificazione & Controlli sulle cave, Regione Toscana

 
 
 
Oggetto: nuova osservazione di Legambiente al Piano Regionale Cave

 

Gent.mi Presidente, egregi Consiglieri,

dopo le nostre osservazioni formali al Piano Regionale Cave, inviatevi il 18 giugno u.s., siamo venuti a conoscenza della bozza di lavoro delle commissioni regionali congiunte II e IV (anch’essa del 18 giugno), nella quale, rispetto al testo originario, sono state apportate diverse modifiche.

Con la presente segnaliamo che, con tali modifiche, l’art. 13 sarebbe completamente snaturato e contrasterebbe coi principi fondamentali del PRC stesso.

Nel suo comma 4, infatti, si dice che «Il comune, attraverso i piani attuativi di bacino … stabilisce le condizioni per il rilascio di autorizzazioni che contengano una ulteriore riduzione della resa minima fino ad un massimo del 5% per progetti specifici tesi all’incremento dell’occupazione e lo sviluppo delle lavorazioni in loco in filiera corta, connesse ai materiali di estrazione».

Nella dizione “materiali di estrazione” (anziché blocchi) sono compresi anche tutti i detriti. Accettando una resa in blocchi del solo 20%, si premia di fatto chi distrugge la montagna, purché lavori i detriti in loco, requisito che alcune multinazionali del carbonato soddisfano già abbondantemente, visto che è nel loro precipuo interesse accoglierlo.

È stato inoltre introdotto un pericolosissimo comma 6: «I materiali derivati, impiegati dall’industria per la realizzazione di prodotti sostitutivi dei materiali da taglio, nel progetto di coltivazione e/o nell’ambito del monitoraggio di cui all’art. 14, possono essere computati ai fini della resa come blocchi, lastre e affini». Ciò rappresenterebbe un totale stravolgimento degli obiettivi dichiarati dal PRC, poiché, nello stesso art. 13:

  • si è partiti ponendo una resa in blocchi del 30% come requisito per rilasciare l’autorizzazione (comma 2);
  • si è subito contraddetto il requisito, concedendo ai comuni la facoltà di stabilire rese comprese tra il 25 e il 30% (comma 3);
  • si è affidata ai comuni la possibilità di ridurre ulteriormente la resa al 20% (comma 4);
  • si abbasserebbe ulteriormente la resa a percentuali inferiori al 20% (senza limite inferiore: teoricamente anche 0%) computando come resa in blocchi anche le trasformazioni industriali di detriti (scaglie, marmettola, terre) in prodotti sostitutivi dei materiali da taglio (comma 6).

Di fronte allo smantellamento progressivo del principio di primazia dei blocchi a scapito dei detriti, non possiamo che registrare l’intenzione plateale di favorire l’escavazione a ogni costo, autorizzando anche cave teoricamente dedite al solo prelievo di detriti.

Restiamo francamente sbigottiti del fatto che codeste spettabili Commissioni possano prendere in considerazione modifiche in grado di contraddire i principi fondamentali del PRC stesso.

In attesa di riscontri, porgo distinti saluti.

Firenze, 21 giugno 2019

Fausto Ferruzza
Presidente Legambiente Toscana
 



Per saperne di più:

Su Piano regionale cave, Piani attuativi di bacini estrattivi, Legge regionale cave:

Osservazioni di Legambiente Toscana al Piano Regionale Cave  (18/6/2019)

Cave sostenibili? Solo con misure radicali! Osservazioni al rapporto IRTA  (20/4/2019)

Vertenza apuana. Le cave salvate dal 58bis ricorrono al TAR: vogliono il Far West, con lo sceriffo complice  (2/4/2019)

Allarme legalità: Regione e Comune non autorizzino le cave di detriti Amministrazione e Canalbianco  (25/2/2019)

Cave Amministrazione e Canalbianco: perché un fermo solo temporaneo?  (7/2/2019)

Fossa Combratta: rispettare le leggi e prevenire l’uso strumentale della sicurezza  (7/12/2018)

La vera favola di cava Combratta  (VIDEO: 23/11/2018)

Piani attuativi bacini estrattivi: quali indicatori di sostenibilità?  (25/10/2018)

Cava Fossa Combratta: la vera posta in gioco dietro il pretestuoso alibi della sicurezza  (15/9/2018)

Il bacino estrattivo di Torano: spunti per una pianificazione integrata  (3/5/2018)

Audizione alla commissione marmo: le proposte di Legambiente  (20/11/2017)

Incontro Legambiente-sindaco su cave e rischio alluvionale  (18/7/2017)

Nuovo regolamento degli agri marmiferi: le proposte di Legambiente  (28/11/2016)

Le nostre proposte per il Piano Regionale Cave  (10/10/2016)

Gestire in sinergia cave, ambiente e rischio alluvionale (2° contributo alla VAS dei piani attuativi estrattivi)  (24/9/2016)

Piani attuativi dei bacini estrattivi: una proposta di buonsenso (quindi rivoluzionaria)  (10/8/2016)

Marmettola: dalle cave alle sorgenti  (VIDEO 9 min. 24/7/2016)

Cave: il falso conflitto ambiente-occupazione  (1/8/2016)

Dossier marmettola: l’inquinamento autorizzato  (1/6/2016)

Stati Generali delle Alpi Apuane: ATTI dell’incontro nazionale  (14/5/2016)

Legge regionale sulle cave: la gara pubblica? Tra un quarto di secolo (e sarà finta!)  (23/5/2015)

Revisione della legge regionale sulle cave: le proposte di Legambiente  (14/10/2014)

Osservazioni al piano paesaggistico: più paesaggio, più filiera, più occupazione, meno cave, meno impatto, meno rendita  (29/9/2014)

Le nostre osservazioni preliminari alla proposta di legge regionale sulle cave  (sintesi, 18/7/2014)

 Le nostre osservazioni alla proposta di legge regionale sulle cave (testo integrale, 17/7/2014, 236 KB)

La Regione protegga le sorgenti dalle cave di marmo  (27/3/2014)

 

Share

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *