Dimensione testo » A+ | A–

Cave apuane: stop al disastro ambientale e all’illegalità (G. Sansoni)

Share
Print Friendly


Stati Generali delle Alpi Apuane
Incontro nazionale per un
futuro sostenibile delle Alpi Apuane
Pietrasanta, 14 maggio 2016


 

Cave apuane, stop al disastro ambientale e all’illegalità

Presentazione audio/video (30 min)
Giuseppe Sansoni
 

 

SOMMARIO:

  • Il PRAER: un piano violato
  • Tutela delle acque: violata
    • marmettola nei corsi d’acqua
    • marmettola nelle sorgenti
  • Prescrizioni inadeguate (illegittime)
    • acque di lavorazione
    • acque meteoriche di dilavamento
    • piano di gestione del detrito
    • ravaneti, piazzali in detrito, discariche
  • Ecoreati (disastro ambientale ecc.)
  • Parco: pro Apuane o pro cave?
  • PIT e piani attuativi: la sfida

Nella presentazione audio/video, la fine di una slide è segnalata da un suono; utilizzare le frecce da tastiera per passare da una slide alla successiva (o per tornare indietro).

 Scarica il PDF 14/5/2016 (7,3 MB)

Per scaricare la presentazione Power Point lancia il video cliccando qui (anziché sull’immagine d’anteprima): poi clicca sul link PPT situato in basso, a destra dell’anteprima.


 
La relazione, riccamente illustrata, denuncia e documenta l’impatto devastante dell’attività estrattiva, grazie anche alla tolleranza degli organi di pianificazione e di controllo. È largamente violato il PRAER (Piano Regionale delle Attività Estrattive), con cave che producono pochi blocchi e quantità esorbitanti di scaglie bianche (quindi cave che sbriciolano le montagne per ricavarne carbonato di calcio) e, viceversa, cave che portano a valle solo blocchi (quindi abbandonano abusivamente i detriti al monte).

Le vergognose modalità di conduzione delle cave determinano l’inquinamento da marmettola dei corsi d’acqua e delle sorgenti. Serie responsabilità hanno i comuni (che rilasciano autorizzazioni contrastanti con la normativa ambientale, dunque illegittime) e il Parco delle Apuane (che approva deroghe alla propria normativa per favorire le cave).

È necessaria una forte partecipazione alla redazione dei piani attuativi di bacino estrattivo (previsti dal Piano paesaggistico), finalizzata a dare concreta attuazione agli obiettivi e direttive del PIT; a tal fine viene presentata una serie di proposte radicali.

L’ostacolo principale alla rinascita delle Apuane è culturale: l’erronea convinzione dell’inevitabile conflittualità tra obiettivi ambientali ed economico-sociali. La vera sfida, invece, è quella di conseguirli contestualmente, cioè migliorare l’occupazione proprio grazie alla chiusura delle cave nel Parco e alla parallela attivazione di una nuova economia.

 



Per saperne di più:

ATTI dell’incontro Stati Generali delle Alpi Apuane  (14/5/2016)

Su marmo e (il)legalità

Cave: Legambiente chiede un’indagine alla commissione antimafia (11/8/2012)

Cave: illegittimità e danno erariale. Esposto contro amministratori a Procura e Corte dei Conti (12/7/2012)

Alla polizia non piace l’ordinanza camion puliti (VIDEO) (VIDEO, 31/10/2011) durata: 20’ 39”

Incontro “giovani, sentinelle della legalità” sulle polveri sottili: l’intervento di Legambiente (28/3/2011)

Canoni di concessione cave: le scelte del Comune impoveriscono la città. Esposto a Procura e Corte dei Conti (14/10/2010)

Il testo dell’esposto alla Procura contro Marisaldi e sindaco per mancata consegna dei dati sulle cave  (4/4/2007)

La pazienza è finita: esposto alla Procura della Repubblica per mancata consegna dei dati sulle cave (3/4/2007)

Esposto per il riconoscimento delle cave come beni comuni (5/10/2005)

 

Share
Custom Single Post Templates Manager via Themes Town
Popups Powered By : XYZScripts.com