Dimensione testo » A+ | A–

Impianto di lavaggio camion: le modifiche peggiorative

Share
Print Friendly, PDF & Email

Considerati i numerosi problemi dell’impianto di lavaggio di Miseglia, già evidenziati nel nostro documento Impianto pese e lavaggio: tutto da rifare?, sono state effettuate alcune modifiche impiantistiche.

Durante il sopralluogo della commissione ambiente svoltosi stamani, vedendo i risultati, siamo stati colti dallo sconforto. Ci limitiamo ad esporre brevi note.

  • La sbarra d’ingresso e la relativa fotocellula sono state spostate all’interno del tunnel di lavaggio (a metà percorso): quando i camion arrivano alla sbarra entrano in azione i getti di lavaggio; terminati i getti, si apre la sbarra ed il camion esce. In questo modo sono stati conseguiti in un sol colpo due risultati: un lavaggio meno efficace delle fiancate (perché il camion viene lavato da fermo) e l’assenza totale di lavaggio del portellone posteriore (che solitamente è la parte più sporca).
  • Sono state attivate le soffianti per l’asciugatura (nel tratto d’uscita del tunnel). Peccato che, non avendo collocato una seconda sbarra, i camion escano in velocità. Il risultato (del tutto prevedibile) di questo accorgimento è che non viene conseguita nessuna asciugatura; in compenso, però, gli abitanti di Miseglia bassa possono godersi il rumore delle soffianti.
  • Permangono naturalmente i vecchi problemi. Ad es. le colonne laterali portaugelli non sono state allungate: perciò la fascia alta dei cassoni non viene colpita dai getti idrici.
  • Analogamente, la curva stretta della corsia dedicata ad auto e bus non è stata addolcita; così la commissione ha potuto assistere a scene da film. Questa la sequenza: 1) un bus turistico che saliva alle cave, poco dopo aver imboccato la corsia, ha dovuto fermarsi e fare retromarcia, poi 2) prendendola più alla larga è riuscito ad imboccare nuovamente la corsia ed è proseguito fino alla curva stretta, restandovi imbottigliato (mentre, dietro, auto e camion suonavano il clacson); 3) la guida scesa dal bus fa fare retromarcia a camion e auto; 4) il bus fa retromarcia ed esce dalla corsia infernale; 5) per superare l’impianto, il bus ha percorso contromano la corsia discendente, mentre la guida faceva fermare i camion in arrivo. Il problema era stato da noi segnalato l’anno scorso ed avevamo indicato l’ovvia soluzione: allargare la curva stretta; lo spazio per l’operazione c’è, ma l’intervento non è stato fatto. È così che si accolgono i bus turistici?

In conclusione, gli interventi necessari non sono stati effettuati, mentre le modifiche apportate sono controproducenti. Viene da chiedersi se non sia il caso di ricorrere a progettisti meno geniali.

Carrara, 1 ottobre 2013
Legambiente Carrara



Per saperne di più:

Sul nuovo impianto di lavaggio camion di Miseglia bassa:

Impianto pese e lavaggio: tutto da rifare? (21/10/2012)

Sorpresa: si affrontano i problemi della strada dei marmi. Carrara sta diventando un Comune normale? (21/9/2012)

Il comitato di Miseglia sul futuro impianto lavaggio: studiare ora l’impatto e agire preventivamente (31/7/2011)

Nuovo impianto di lavaggio camion: il Comune non ripeta l’errore della vicenda polveri (8/7/2011)

Minimizzare l’impatto del futuro impianto di lavaggio camion (30/6/2011)

Lettera aperta ai camionisti: preferite i camion puliti o i camion fermi? (10/4/2010)

Il nuovo impianto di lavaggio camion nasce sotto i peggiori auspici (27/2/2010)

Futuro lavaggio camion di Miseglia: gli abitanti chiedono prevenzione degli impatti (19/1/2010)

I nuovi impianti lavino anche la carrozzeria dei camion (8/11/2008)

 

Share
NOVITÀ  
Il marmo di Carrara: una maledizione?
Le Alpi Apuane in pericolo

(VIDEO disponibile solo fino al 14 dicembre)

 

Alberature stradali di Carrara:
un patrimonio da riqualificare

Relazione sulle alberature tenuta il 15 nov. alla Biblioteca civica (testo e immagini)