Dimensione testo » A+ | A–

Il sacco delle Apuane. 1 – Il monte, il blocco e il detrito

Share
Print Friendly, PDF & Email

 

IL SACCO DELLE APUANE

 

episodio uno:

IL MONTE, IL BLOCCO E IL DETRITO

 
 

Legambiente Carrara e La Gora Production

 
Durata: 38 min
 
 
Cosa può succedere se l’ambientalismo scientifico e la satira pungente si incontrano e percorrono assieme un tratto di strada? La risposta la trovate ne “Il sacco delle Apuane”, la strana creatura nata dalla collaborazione fra Legambiente Carrara e “La Gora Production”.

Con le recenti normative sul marmo, la Regione Toscana e i comuni hanno pianificato un’accelerazione della distruzione delle Apuane, ma pochi se ne sono accorti.

“La Gora” compie il miracolo di rendere lampanti e godibili i concetti, le osservazioni e le proposte di Legambiente che, proprio perché scientifiche, puntuali e approfondite, ne rendono impegnativa la lettura da parte del largo pubblico.

Diviene così chiaro che, grazie all’ingordigia degli imprenditori, alla compiacenza di forze politiche vecchie e nuove e alla nuova regolamentazione della Regione Toscana e del Comune di Carrara, ormai la corsa all’oro bianco delle Apuane sta giungendo al suo tragico epilogo trasformando nel tempo una città in un distretto minerario.

L’artigianato locale scompare sotto i colpi della massiccia esportazione, il lavoro dei cavatori è sostituito dai macchinari, la ricchezza è accaparrata da pochi imprenditori sempre più arroganti, i blocchi vengono esportati e lavorati dai nuovi schiavi ai confini del mondo, mentre il bene comune rappresentato da meravigliose montagne fonte d’acqua e biodiversità viene ridotto in sassi e in polvere di carbonato.

Ai carraresi restano solo disoccupazione, devastazione ambientale, sorgenti e fiumi inquinati da marmettola e terre e un crescente rischio alluvionale.

Attraverso la metafora del Far West, questo primo episodio “Il monte, il blocco e il detrito” svela a tutti la colossale vergogna partorita dal piano regionale cave che, accogliendo le richieste dei prenditori del marmo e del comune di Carrara, ha stravolto il piano paesaggistico, giungendo ad autorizzare la distruzione delle Apuane per ricavarne non solo blocchi, ma (per oltre il 90%) detriti da ridurre in carbonato di calcio in polvere.
 



Per saperne di più:

 Scarica il Piano Regionale Cave (disciplina di piano)

 Scarica il Regolamento degli agri marmiferi (Comune di Carrara)

Un patto intergenerazionale per salvare le Apuane dalla distruzione  (12/10/2020)

Piano regionale cave stravolge piano paesaggistico: via libera a ridurre le Apuane a detriti  (31/7/2020)

Regolamento agri marmiferi: l’ambiente dimenticato  (31/01/2020)

Osservazioni al piano regionale cave: dov’è la sostenibilità ambientale?  (15/10/2019)

Osservazioni ai PABE. Tanti studi per nulla: un futuro uguale al passato  (16/9/2019)

Come si smantella il Piano Regionale Cave  (21/6/2019)

Osservazioni di Legambiente Toscana al Piano Regionale Cave  (18/6/2019)

Vertenza apuana. Le cave salvate dal 58bis ricorrono al TAR: vogliono il Far West, con lo sceriffo complice  (2/4/2019)

Piani attuativi bacini estrattivi: quali indicatori di sostenibilità?  (25/10/2018)

Il bacino estrattivo di Torano: spunti per una pianificazione integrata  (3/5/2018)

Audizione alla commissione marmo: le proposte di Legambiente  (20/11/2017)

Nuovo regolamento degli agri marmiferi: le proposte di Legambiente  (28/11/2016)

Le nostre proposte per il Piano Regionale Cave  (10/10/2016)

Piani attuativi dei bacini estrattivi: una proposta di buonsenso (quindi rivoluzionaria)  (10/8/2016)

Osservazioni al piano paesaggistico: più paesaggio, più filiera, più occupazione, meno cave, meno impatto, meno rendita  (29/9/2014)

 Le nostre osservazioni alla proposta di legge regionale sulle cave (testo integrale, 17/7/2014, 236 KB)

 

Share